loading
  • Dai ricercatori e designer marittimi: come Opel Manta ha creato il suo logo
  • Sulla costa del Mar Baltico: anteprima mondiale nella location più adatta
  • Pesce grosso: Manta A e B prodotte oltre un milione di volte

La leggenda di Opel compie 50 anni: un pesce di nome MantaRüsselsheim. Appartiene al genere Mobula (mante, razze) – Opel Manta, probabilmente il modello ittico più rappresentativo in una lunga serie di classici Opel. Quest'anno, la coupé con la manta come logo festeggia il suo 50° compleanno. Le varietà di manta si estendono dal Mar Baltico tedesco fino alla costa del Pacifico americano. Il capo progettista di Opel, George Gallion, in missione segreta, svelò per la prima volta la manta della specie Rüsselsheim.

Un sabato mattina del 1969, Gallion salì a bordo di un aereo diretto a Parigi. Il designer americano che lavorava alla Opel aveva accettato di incontrare il team del ricercatore marittimo francese Jacques Cousteau.

"Avevamo scelto il nome ‘Manta’", ha detto Gallion, 51 anni dopo la sua missione a Parigi. “A quel tempo, i nomi degli animali corrispondevano allo zeitgeist (spirito culturale dell’epoca), la Ford Mustang e la Corvette Stingray ebbero molto successo negli Stati Uniti. Anche la nostra Manta era una "pony car". A quel punto avevamo dieci giorni per progettare un logo, ma non eravamo riusciti a trovare nessuna sagoma che fosse adatta".

Così Gallion salì sull'aereo per vedere le immagini di Cousteau nella capitale francese. Le osservò per ore, finché finalmente vide un fotogramma in cui una gigantesca manta nuotava dal basso verso la superficie luminosa. Bingo! Era quella. Opel Manta aveva trovato la sua identità e da quel momento in poi l’iconico emblema cromato fu apposto sui parafanghi anteriori.

Opel Manta debuttò a Timmendorfer Strand

La sportiva Opel Manta fece il suo debutto nel settembre del 1970. Opportunamente, la presentazione ebbe luogo a Timmendorfer Strand sulla costa tedesca del Mar Baltico. Per Opel, Manta rappresentò un passo avanti nella conquista di un nuovo territorio. "Invece di rendere obsoleto un modello esistente, l'auto che presentiamo oggi si aggiunge alla nostra gamma per soddisfare una nuova domanda del mercato", venne annunciato con un comunicato stampa.

Opel Manta era nuova, elegante e sportiva e perfettamente nello spirito dei tempi. Coupé attraenti che potevano ospitare quattro passeggeri erano molto richieste in quel momento. Era di tendenza, la forma e le linee di Opel Manta erano proprio quello che cercava il mercato. Nel primo anno di vendite, Opel fece uscire 56.200 unità di Manta dagli showroom; in totale ne uscirono 498.553 dalla fabbrica. Opel Ascona condivideva la piattaforma, le sospensioni e i motori. Il motore più potente di Manta era il quattro cilindri 1.9 S a da 90 CV, utilizzato anche dalla Opel Rekord.

La gamma Manta iniziò con la 60 CV 1.2 nel 1972, seguita nel novembre dello stesso anno da Manta Berlinetta lussuosamente equipaggiata. La dotazione standard comprendeva volante sportivo, lunotto termico, fari alogeni, lavacristalli elettrici e tetto in vinile. Durante i cinque anni di produzione la gamma fu arricchita da numerose varianti di modelli speciali: “Holiday”, “Plus”, “Swinger” e “Summer Bazar” con configurazioni di alto livello a prezzi contenuti. Opel Manta GT/E, alimentata da un motore da 105 CV da 1,9 litri a iniezione Bosch L Jetronic, fu lanciata nel 1974. La tendenza verso la finitura opaca anziché cromata proseguì con Manta GT/E. L'ultimo modello speciale uscì nel 1975, poco prima del debutto di Opel Manta B. La " Black Magic" basata sulla GT​​/E era tutta nera con strisce arancioni sui fianchi.

Il sequel proseguì a soli cinque anni dalla premiere

La leggenda di Opel compie 50 anni: un pesce di nome MantaGià nel 1975, la Opel Manta fece il suo debutto con la generazione B. Il Marchio tedesco aveva due varianti nella gamma: la Coupé notchback e la Combi-Coupé CC hatchback del 1978 con un grande portellone posteriore. La sua popolarità durata a lungo prova che Opel Manta B ha giocato un ruolo speciale nella storia dell’azienda della durata di oltre 120 anni. Nessun altro modello è rimasto invariato sul mercato più a lungo di Opel Manta B - presentata nell'autunno del 1975; Opel Manta di seconda generazione registrò una produzione di 557.940 unità fino al 1988.

Come con i suoi predecessori, Opel Manta B condivideva la piattaforma, le sospensioni e il gruppo propulsore con Opel Ascona. La gamma di motori a quattro cilindri comprendeva 14 versioni con cilindrate comprese tra 1,2 e 2,4 litri per l'intero periodo di produzione. Le potenze erano tra 55 e 144 CV.

Nuovi modelli e motori completavano e ampliavano costantemente la serie e mantenendola sempre attuale. Abbreviazioni e sigle famose includevano SR, Berlinetta, GT, GT/J e GT/E. Nel 1979, i motori OHC (albero a camme in testa) di nuova concezione sostituirono quelli più vecchi con alberi a camme laterali. La migliore GT/E sviluppò 105 e 110 CV con il più grande motore da 2,0 litri e fu ribattezzata GSi nel 1984.

La Opel Manta B più rara e potente fu la 400, presentata al Salone di Ginevra nel 1981. Opel Manta 400, che prese il nome dalle 400 unità necessarie per l'omologazione sportiva del gruppo 4, presentava un motore a quattro cilindri DOHC da 2,4 litri (doppio albero a camme in testa) con tecnologia a quattro valvole per cilindro e 144 CV. Con Opel Manta 400, Guy Colsoul e Alain Lopes hanno vinto il Rally Parigi-Dakar del 1984 nella classe a due ruote motrici, chiudendo al quarto posto assoluto dietro a tre veicoli a quattro ruote motrici.

Le ultime due versioni di Opel Manta B erano il modello top GSi e il GSi Exclusive, prodotti in serie limitata e dotate del sintonizzatore Irmscher. In totale, sono usciti dalla catena di montaggio oltre un milione di esemplari di Opel Manta A e B. Davvero un pesce grosso.

Torna all'inizio