loading
  • Sollievo dal raffreddore da fieno: filtri e carbone attivo nei modelli Opel
  • Massima qualità: i filtri soddisfano i massimi requisiti
  • Qualcosa nell'aria: ontano, nocciolo, frassino e betulla si avvicinano
  • Suggerimenti di sopravvivenza: comportamento corretto nella stagione pollinica

Fai un respiro profondo - Grazie ai filtri antipolline in ogni nuova OpelRüsselsheim. All'aumentare della temperatura, le persone con raffreddore da fieno iniziano a soffrire. Chi viaggia in una vettura Opel può ritenersi fortunato. Dal 2000, tutte le Opel sono dotate di serie di vari sistemi di filtraggio: con filtro antiparticolato originale Opel originale oppure con filtri a carbone attivo. La casa automobilistica tedesca, forte della sua tradizione, installa principalmente filtri combinati al carbone attivo. Questi sono costituiti da due strati e pertanto non solo possono trattenere il particolato al di fuori degli interni, ma filtrano anche gas come ozono e odori, grazie al carbone attivo. Ancor meglio, il polline viene eliminato quasi al 100%, in modo che gli acquirenti di vetture Opel sia nuove che usate possano respirare a pieni polmoni durante la guida.

"La qualità del filtro combinato a carbone attivo supera gli standard di mercato in numerose aree e in alcuni casi soddisfa anche i requisiti per i filtri antiparticolato per particelle fini", afferma Sandra Schmickler, Product Manager. Il materiale filtrante è idrorepellente, il che gli impedisce di congelarsi in inverno o di diventare un ricettacolo per batteri. Nonostante le elevate prestazioni del filtro, viene garantita una buona permeabilità all'aria. Il filtro dovrebbe essere cambiato una volta all'anno.

In molti casi, il filtro combinato a carbone attivo può anche essere modificato per aggiornarlo su modelli Opel più vecchi come la Calibra o la Vectra C. La modifica può risultare un po’ complicata ed è quindi meglio eseguirla presso un punto di assistenza Opel.

Comportamento corretto nella stagione pollinica

"In generale, con un'alta concentrazione di polline, si dovrebbe guidare solo con i finestrini chiusi", raccomanda la dottoressa Anne-Marie Albuszies, responsabile medico di Opel. Ciò favorisce anche la sicurezza stradale: se gli automobilisti devono starnutire più spesso, aumenta il rischio di incidenti. È meglio informarsi preventivamente consultando il bollettino dei pollini, ad esempio, tramite il servizio meteorologico locale. "Nelle prossime settimane inizieranno le allergie al nocciolo, così come al frassino e alla betulla", spiega la dottoressa Albuszies. Durante l'estate, l'erba diventa un problema. Il raffreddore da fieno può affliggere chi soffre di allergie da marzo a ottobre.

Gli automobilisti dovrebbero anche astenersi dai farmaci, perché i cosiddetti antistaminici possono provocare sonnolenza. I vestiti dovrebbero essere tolti in bagno, non in camera da letto, aggiunge il medico e i capelli lavati la sera in modo che il polline non si depositi sul cuscino. Un risciacquo con comune sale da cucina al mattino e alla sera calma il naso irritato e un panno umido sugli occhi allevia il prurito.

Torna all'inizio